RICETTE DI FAMIGLIA. LA STORIA DELLA CUCINA EMILIANA (VOLUME 1)

15.00

I ricettari rappresentano da sempre la più diffusa forma di comunicazione scritta della cucina, portando alla luce anche la società che li produce, insieme con le sue linee evolutive. Sappiamo che la tradizione gastronomica italiana si è storicamente evoluta su un doppio registro: da una parte il percorso della cucina raffinata, nobile, riservata a mani saldamente maschili; dall’altra quello di una cucina quotidiana, semplice ed economica, affidata alle donne. Una distinzione che ha fatto sì che la tradizione culinaria femminile rimanesse per lungo tempo patrimonio tramandato solo oralmente di madre in figlia o poco più, finché, sul finire dell’Ottocento, con l’affermazione della classe borghese, qualcosa cambia: si inizia a considerare in modo diverso la tavola e vengono introdotti nuovi valori guida come la sobrietà, la temperanza, il risparmio. In quel frangente storico, un’attenzione nuova si pone proprio su quella cucina quotidiana e semplice affidata alle donne, alle quali vengono dedicati per la prima volta nella storia manuali culinari, di cui esse stesse furono amabili quanto discrete contributrici. E sull’onda di un prepotente bisogno di scrivere della loro cucina, iniziano così a dare vita a raccolte di ricette che si iscrivono nel grande patrimonio della cultura materiale.

Categoria:

Descrizione

Autore: Mariavittoria Andrini

Formato: 15 x 21,8 cm

N. Pagine: 144

ISBN: 9788895694405