sabato 18 gennaio 2020

Brevi dalla Romagna

Eron firma il manifesto dell’estate di Rimini

24 marzo 2011

 

 

La prima volta della spray art per il manifesto balneare di Rimini. La vernice del grande artista Eron firma l’immagine testimonial dell’estate 2011 di Rimini. Per la prima volta nella storia dell’affiche balneare è il talento di un writer di fama internazionale (le sue opere sono state esposte dal Museo di arte Moderna del Cairo sino al Chelsea Art Museum di New York) a dare forma e colori al manifesto della stagione turistica commissionato dall’Amministrazione Comunale.

Il manifesto dell’estate 2011 di Rimini

“Nel dipinto realizzato a vernice spray su tela delle dimensioni di 170 x 115 cm – commenta l’artista – il soggetto principale è la scritta ‘Rimini’ che si integra nel paesaggio marino come elemento reale che illumina la sera, sia fisicamente che concettualmente”. Il mare, tratto identitario riminese, è per la prima volta unico protagonista, senza intermediazioni: non più sfondo di una città che valorizza quanto c’è attorno, ma vero protagonista di una Rimini che ha nel mare e nell’estate la sua naturale vocazione. Il dipinto di Davide Eron Salvadei – eletto più volte ‘miglior writer italiano’ –  rientra nella serie di opere appartenenti al progetto “mindscape” alla quale Eron sta lavorando in questa fase del suo percorso artistico.

Dopo la grafica raffinata della silhouette femminile di René Gruau (2000), gli affreschi digitali delle donne in movimento di Gianluigi Toccafondo (2003), la pittura seducente di Milo Manara (2004), il disegno pop di Jovanotti (2005), le atmosfere rarefatte ottenute con la tecnica mista di Luca Giovagnoli (2006), il richiamo ‘tribale’ di Pablo Echaurren (2007), la fotografia concettuale di Marco Morosini (2008), il gioco di parole di Alessandro Bergonzoni (2009), l’illustrazione di Francesca Ghermandi (2010), è dunque quest’anno il genere dell’aerosol art a caratterizzare, a partire dalla primavera, la campagna turistica della città che vuole invitare e dare il benvenuto a Rimini attraverso i manifesti, le cartoline, la pubblicità e i materiali di informazione turistica realizzati dall’Assessorato al Turismo. Con questa opera Eron entra ufficialmente a far parte della galleria di grandi personaggi che – dal 2000 ad oggi – hanno rappresentato Rimini dando ideale proseguimento alla celebre tradizione che, dagli anni Venti del XX secolo, ha consentito di annoverare tra i creatori di immagini balneari legate a questa città artisti del calibro di Marcello Dudovich, Adolfo Busi, Alberto Bianchi, Ugo Nespolo, Milton Glaser, René Gruau. L’opera farà parte della collezione permanente del Museo Civico della città, riconoscendo a tutti gli effetti il grande valore di una tecnica, quella dei graffiti, che fino ad oggi è stata oggetto di pregiudizio.

www.eron.it e www.riminiturismo.it