martedì 12 novembre 2019

Brevi dalla Romagna

Autori nell’Aia, a “La Siba” di Vecchiazzano (Forlì)

14 giugno 2010
Autori nell'Aia, a "La Siba" di Vecchiazzano (Forlì)

Serate estive in campagna con cena in agriturismo e successiva presentazione di libri. Fino al 30 luglio, dalle ore 21, l’Azienda Agricola e Agrituristica La Siba (via del Partigiano, 19 L/O, località Vecchiazzano – Bosco di Ladino – Forlì
t. 0543.478139) presenta questa rassegna di incontri letterari, a cura di MEGAterra, in collaborazione con Foschi Editore, MEGAforlì, col coordinamento a cura di Mercuzio Soc. Coop. e Associazione Romeo.

scorcio esterno del ristorante

scorcio esterno del ristorante

La cena rurale viene preparata con i prodotti biologici dell’orto de La Siba. La cucina apre alle 19.30, con menù alla carta, mentre le presentazioni – gratuite – dei libri iniziano alle 21. Per la cena (non obbligatoria) è gradita, e consigliata, la prenotazione. Dopo l’inaugurazione con Pierluigi Moressa, questo il calendario delle serata:

Venerdì 18 giugno, ore 21. Gianluca Gatta, Il forcone spuntato. Origini culturali del moderno satanismo (Foschi Editore).

La storia culturale occidentale attraverso la ricerca delle vicende, dei libri, dei personaggi e dei culti che hanno fornito al satanismo contemporaneo l’apparato iconografico e dottrinario di riferimento. Il libro è un’approfondita ricerca che tocca paganesimo, gnosticismo, stregoneria, massoneria, cattolicesimo, protestantesimo e politica.
Gianluca Gatta è direttore editoriale di Foschi Editore e saggista. 
Conversa con l’autore Giandomenico Cotracci, professore di storia, Liceo Scientifico di Ravenna.

Venerdì 9 luglio, ore 21. Michele Leoni, Il Gemello (Stampa Alternativa). Post-fazione di Carlo Flamigni.

Sullo sfondo della violenza delle guerre di Vukovar e Sarajevo s’intrecciano due storie: quella di Lajos rapinatore serbo-croato in fuga dal suo stesso destino, e quella di Matteo e Luca, due gemelli neonati, che si affacciano alla vita. Michele Leoni è Presidente di sezione penale al Tribunale di Bologna. Tra le sue pubblicazioni I serial killer:un approccio psicologico e giuridico (Experta) e Il giovane Tiziano (Foschi Editore).

Venerdì 16 luglio, ore 21. Giordano Conti, La città del buon vivere (Foschi Editore).

Superando i dogmi del tecnicismo e delle indagini autoreferenziali, Conti delinea il modo di utilizzare Cesena come paradigma della “città del buon vivere”.  Città possibile, vera, non astratta concezione o idea. 
Laureato in Architettura all’Università di Firenze e in DAMS all’Università di Bologna, è professore a contratto presso Architettura a Bologna. Sindaco di Cesena dal 1999 al 2009.
Conversa con l’autore l’Ass. del Comune di Forlì Ing. Alberto Bellini

Venerdì 23 luglio, ore 21. Radames Garoia, Una volta in campagna. Immagini e testimonianze del mondo rurale in Romagna fino agli anni 50-60 (Aquacalda)

Una dichiarazione d’amore per la terra e le tradizioni di Romagna, un viaggio nella memoria per far rivivere un mondo contadino che ormai non esiste più. Ricordi e immagini che raccontano uno stile di vita fatto di sacrifici, fatica e pazienza, ma anche di amore e rispetto per la natura. Radames Garoia è neopensionato dopo 34 anni di impiego presso il Municipio di Bertinoro. Fotoamatore, negli anni ‘80 ha realizzato diverse mostre in collaborazione con il Comune di Bertinoro. Oggi continua a dedicarsi alla ricerca storica della fotografia in Romagna. Conversa con l’autore Gabriele Zelli.

Venerdì 30 luglio, ore 21. Giorgio Mambelli, Cappelletti nella Grande Mela (CartaCanta)

Un romanzo che ha tutti gli ingredienti per essere definito gustoso e gradevole, concepito per promuovere un territorio, dove si possono incontrare, e conoscere per nome, le persone che si danno dare fare per promuovere la Romagna e le sue eccellenze gastronomiche. Il risultato è come un ottimo piatto di cappelletti! Mambelli, giornalista, dal 1995 al 2010 è stato responsabile dell’ufficio stampa e pubbliche relazioni della Provincia di Forlì-Cesena. Ha pubblicato i romanzi Il sole dell’Avvenire e Ferragosto ’68: galeotto fu il garbino.

www.lasiba.it; www.megaterra.it